Alcolino

ETILOMETRO NEI LOCALI PUBBLICI

ETILOMETRO NEI LOCALI - Legge 120/2010 art. 54 

Etilometro a moneta EasyTest, a norma per locali pubblici

L'effettiva entrata in vigore di questa Legge, avvenuta nel novembre 2010, ha confermato l'obbligodi dotarsi di un etilometro precursore elettronico per i seguenti soggetti:
i titolari e i gestori degli esercizi muniti della licenza prevista dai commi primo e secondo dell’articolo 86 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, ivi compresi gli esercizi ove si svolgono, con qualsiasi modalita`, spettacoli o altre forme di intrattenimento e svago, musicali o danzanti, nonche´ chiunque somministra bevande alcoliche o superalcoliche in spazi o aree pubblici ovvero nei circoli gestiti da persone fisiche, da enti o da associazioni.

Di seguito viene riportato parte dell'articolo 54 - Legge 120/10:

2-quater. I titolari e i gestori dei locali di cui al comma 2, che proseguano la propria attivita' oltre le ore 24, devono avere presso almeno un'uscita del locale un apparecchio di rilevazione del tasso alcolemico, di tipo precursore chimico o elettronico, a disposizione dei clienti che desiderino verificare il proprio stato di idoneita' alla guida dopo l'assunzione di alcool. Devono altresi' esporre all'entrata, all'interno e all'uscita dei locali apposite tabelle che riproducano:
a) la descrizione dei sintomi correlati ai diversi livelli di concentrazione alcolemica nell'aria alveolare espirata;
b) le quantita', espresse in centimetri cubici, delle bevande alcoliche piu' comuni che determinano il superamento del tasso alcolemico per la guida in stato di ebbrezza, pari a 0,5 grammi per litro, da determinare anche sulla base del peso corporeo.

....L'inosservanza delle disposizioni di cui al comma 2-quater comporta la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 300 a euro 1.200».

2. Le disposizioni di cui al comma 2-quater dell'articolo 6 del decreto-legge 3 agosto 2007, n. 117, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 ottobre 2007, n. 160, introdotto dal comma 1 del presente articolo, si applicano, per i locali diversi da quelli ove si svolgono spettacoli o altre forme di intrattenimento, a decorrere dal terzo mese successivo alla data di entrata in vigore della presente legge
3. L'inosservanza delle disposizioni di cui al comma 2 comporta la sanzione di chiusura del locale da sette fino a trenta giorni, secondo la valutazione dell'autorita' competente.

Le domande più frequenti sulla legge 120/2010 art. 54.

L'obbligo di avere un etilometro si applica solo alle discoteche?
La disposizione riguarda tutti i locali dove l'attività prosegue oltre la mezzanotte, come ad esempio ristoranti, bar, circoli, pub, sagre di paese, etc…

Ad un cliente che ne faccia richiesta l'alcol-test deve essere dato gratuitamente?
La normativa, non specificando nulla in proposito, lascia libera scelta all’esercente sulla gratuità o meno del test.

Quale tipologia di etilometro può considerarsi a norma di legge?

Il nuovo codice della strada non specifica, con esattezza, di quale etilometro si debbano dotare i locali ma stabilisce tre criteri generali a cui attenersi:
1. L’etilometro deve essere posizionato presso una delle uscite del locale;
2. L’etilometro deve essere di tipo precursore chimico o elettronico;
3. L’etilometro deve essere a disposizione dei clienti.

N.B. Sono sorte interpretazioni divergenti riguardo al fatto che l’etilometro debba essere “a disposizione” dei clienti.
Le Autorità infatti hanno già sanzionato quei locali in cui gli etilometri erano riposti in cassetti, uffici, o altre zone del locale poco visibili o lontani dalle uscite.
Sono inoltre state applicate delle sanzioni anche a quei locali che avevano a disposizione un ridotto numero di test monouso, a fronte invece di un numero di presenze ben più elevato.