Alcolino

FAQ

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELL’ETILOMETRO

L’etilometro consente di misurare la concentrazione di alcol nel sangue attraverso l’analisi dell’aria espirata dai polmoni, in quanto una parte dell’alcol presente nel sangue comincia ad essere eliminato tramite quest’ultima.

La quota di alcol eliminato in questo modo è direttamente proporzionale alla percentuale di alcol presente nel sangue e quindi l’analisi dell’aria alveolare espirata può fornire la valutazione precisa del tasso alcolico.

PER QUANTO TEMPO O NUMERO DI TEST MANTENGONO UNA CERTA AFFIDABILITA’?

L’affidabilità di tutti gli etilometri, dai modelli più economici a quelli professionali, diminuisce con l’utilizzo e con il tempo a causa della perdita di calibrazione del sensore.

Purtroppo non si può indicare una data di “scadenza” certa, ma solitamente si indica delle soglie di sicurezza, che generalmente sono circa 700/800 test o massimo un anno di utilizzo.

Ulteriori fattori che incidono sulla precisione e durata del sensore sono: il corretto utilizzo dello strumento, qualità e data di produzione dello strumento.

GLI ETILOMETRI SI DEVONO CALIBRARE?

Si, tutti gli etilometri con il tempo e con l’uso vanno ricalibrati. Ovviamente per i modelli più economici la calibratura può risultare più onerosa dell’acquisto di un nuovo etilometro ove non sia prevista la sostituzione del sensore; mentre per tutti gli altri apparecchi più professionali dotati di sensore elettrochimico è prevista la calibrazione, presso un’azienda o laboratorio competente.

Accertarsi prima di acquistare un etilometro che il fornitore sia in grado di fornire il suddetto servizio, Alcolino provvede internamente alla calibrazione degli strumenti con le più moderne apparecchiature in commercio.

Assicurarsi altresì che dove sia possibile sostituire il sensore il lotto di produzione dello stesso, per non trovarsi a sostituire il sensore con rimanenze di magazzino.

ETILOMETRI E CERTIFICAZIONI

Quando si parla di etilometri Omologati in Italia, si indicano gli strumenti probatori utilizzati dalle forze dell’ordine come il DRAGER 7110 MKIII o il LION INTOXILYZER 8000, strumenti che utilizzano una tecnologia ad infrarosso.

Gli etilometri certificati come dispositivi medici, sono strumenti che hanno ricevuto una certificazione CE uso medico come il nostro AlcoTrue M e solitamente vengono utilizzati nella medicina del lavoro, attualmente vengono impiegati in questo settore obbligatoriamente solo nella regione Piemonte e Toscana.

Per tutte le altre tipologie di strumenti è valido il solo certificato CE.

QUANTO SONO ATTENDIBILI GLI ETILOMETRI?

Un etilometro è attendibile se usato correttamente ed in considerazione dei vari fattori che possono influenzare il test; tutti gli etilometri in commercio servono solo per avere un’indicazione del proprio stato alcolemico.

QUANT’È LA VITA MEDIA DI UN SENSORE?

Tutte e tre le tecnologie di sensori, semiconduttori, elettrochimici e infrarosso, possono avere una “vita” media di diversi anni, ma è la calibrazione che si viene a perdere col passare del tempo e con l’utilizzo.

SI POSSONO CALIBRARE TUTTI I SENSORI?

Si, tutti e tre i tipi di sensori si possono calibrare. Tuttavia per i sensori di tipo semiconduttore di fascia I, II e III, ove non sia possibile la sostituzione, si sostituisce direttamente, in quanto i costi di calibrazione sarebbero uguali o maggiori dell’acquisto di un nuovo strumento.